SAM: la via coreana al converting

0

SAM (Sung An Machinery Co. LTD.) è prim’attore sulla scena globale del converting. Ecco come la multinazionale coreana è riuscita ad affermarsi come fornitore di macchine e impianti allo stato dell’arte per i processi di stampa, coating, laminazione, estrusione. Partendo dalla roto degli anni Sessanta e puntando sull’eccellenza tecnologica.

SAM (Sung An Machinery Co. Ltd.) è nata nel 1960 come realtà locale, specializzata in macchine da stampa rotocalco, e oggi è uno dei più rinomati attori del mercato globale nel settore del converting, con un’offerta ad alta tecnologia di macchinari per coating, laminazione, estrusione e stampa. Le pietre miliari del suo cammino di crescita testimoniano l’importanza di una strategia coerente e finalizzata a raggiungere una supremazia basata sullo stato dell’arte. Ce le racconta Sergio Deambrogio, General Manager SAM Europe Srl.

Qual è stato l’elemento che ha fatto fare il primo balzo in avanti sulla strada dello sviluppo globale di SAM?

Consolidato il business nelle macchine rotocalco, una nuova spinta alla crescita è stata impressa negli anni 2000, con il potenziamento delle tecnologie per il packaging e lo stanziamento di grandi investimenti per lo sviluppo di linee per spalmatura, laminazione e estrusione. E anche in questo caso, l’azienda ha puntato tutto sull’avanzamento tecnologico.

Può fare qualche esempio significativo?

I coestrusori HiEx sono stati dotati di sistemi di riscaldamento a infrarossi che consentono di ridurre fino al 40% il tempo necessario a raggiungere la temperatura desiderata e il consumo energetico, con ricadute importanti anche sulla sicurezza, grazie al carico termico superficiale sensibilmente ridotto. A loro volta, le linee di estrusione “sono passate di categoria” quando le abbiamo dotate di motori torque che comandano direttamente le viti dell’estrusore. L’assenza di riduttori a ingranaggi elimina le interferenze e le vibrazioni e aumenta del 25% l’efficienza, soprattutto in funzionamento a basso regime Come ulteriore vantaggio, le filiere di estrusione controllano automaticamente il profilo e operano con tecnologia a deckles interni motorizzati: in questo modo riducono il consumo delle resine, specialmente al cambio della larghezza di spalmatura, e i tempi di spurgo e cambio formato. Innovativo anche il sistema di combinazione delle resine, che permette di effettuare coestrusioni raggiungendo perfino 11 strati.

Un altro sviluppo importante ha interessato l’essiccazione che rappresenta, notoriamente, un elemento “sensibile” della stampa e del converting…

L’introduzione nel 2015 del sistema di essicazione ibrido, che combina forni a galleggiamento e a rulli, ha rappresentato una rivoluzione. Assomma i vantaggi dei vari sistemi di essiccazione “tradizionali” con quelli dei sistemi ibridi permettendo di soddisfare praticamente tutte le esigenze dei converter riguardo il substrato da trattare. Ad esempio, film polimerici sottili e sensibili alla tensione, come il PET da 6 micron, possono essere lavorati nella modalità supportata dal rullo. Inoltre, il restringimento del nastro è ridotto al minimo, eliminando il problema dei bordi laterali che potrebbero entrare in contatto con gli ugelli di un forno a galleggiamento. E, ancora, l’essiccatore può essere convertito in modalità di galleggiamento semplicemente tramite un telaio verticale e motorizzato, consentendo all’utilizzatore di eseguire anche spalmature contemporanee su entrambi i lati del substrato. Possono essere facilmente lavorate anche le pellicole meno sensibili alla tensione o i substrati di alluminio che richiedono differenze di temperatura elevate da zona a zona, e un raffreddamento controllato del materiale verso la fine dell’essiccatore.

Come si articola la struttura di R&S del gruppo?

SAM utilizza attualmente cinque macchine da laboratorio e da produzione presso i propri centri di ricerca e sviluppo: lo SPEL (Sungan Printed Electronics Lab) e il Solution Technology Center in Corea, nonché il Centro tecnologico per estrusione in USA. Queste linee, insieme alla tecnologia SAM e agli esperti di processo, rappresentano il cuore del servizio ai clienti, ma contribuiscono anche a sviluppare componenti e nuovi processi tecnologici, assicurando una transizione graduale dal laboratorio alla scala di produzione e mantenendo il gruppo SAM al top tra i fornitori di macchinari di trasformazione.

Commenti disabilitati