Digitale HP: l’Italia dei primati

0

Una HP Indigo 20000 in funzione in ACM Packaging (la seconda in Italia nel segmento “ad alta velocità di sviluppo” del packaging flessibile) e la seconda digitale per il post print su cartone ondulato HP PageWide C500 Press installata in Europa presso la LIC Packaging di Verolanuova, per la creazione di imballi food compliant con l’impiego di inchiostri ad acqua. Elementi in comune: la verve innovativa dei due converter italiani, che aprono la strada all’innovazione digitale in due segmenti dell’imballaggio – flessibile e ondulato, appunto – dove questa tecnologia prospetta grandissime potenzialità di sviluppo; e l’impegno presso lo stabilimento di questi clienti dell’intero staff HP, tecnico e marketing, che sta supportando non solo una messa in produzione “senza scosse” delle macchine e l’adeguata formazione del personale, ma anche gli strateghi e i creativi dei due utilizzatori, per affiancarli nella scoperta delle potenzialità applicative di una tecnologia che è ancora in buona parte poco sfruttata e valorizzata. Li abbiamo visti all’opera insieme, fornitore e trasformatori, nelle open house che si sono susseguite in queste ultime settimane: il 24 ottobre per i clienti e il 14 novembre per l’intera comunità del package printing in AMC, con il coinvolgimento diretto dei creativi della HUD Agency; il 14 e 15 novembre in LIC Packaging, dove HP ha organizzato un evento internazionale, con esperti, operatori  e prospect di tutto il mondo, sul digitale nel food packaging e nell’ondulato in particolare. Gli approfondimenti sul prossimo numero di Converting.

HP Indigo 20000
Con oltre 160 unità installate a livello globale (un anno fa erano 100), la HP Indigo 20000 permette di stampare un’ampia gamma di supporti polimerici, anche termoretraibili, e a base cellulosica con spessori fino a 350 micron. Supporta bobine con banda 76 cm, con consumi e scarti ridotti anche sulle piccole tirature. Per una descrizione della macchina clicca QUI.

HP PageWide C500 Press
Questa macchina stampa con una “qualità offset” una vasta gamma di supporti patinati e non, con una produttività mainstream e utilizzi a tutto campo nell’imballaggio(e laminazione). PageWide C500 Press gestisce cartoni ondulati con spessori da F a BC a doppia parete. A differenza di altri sistemi di stampa digitali che utilizzano la tecnologia piezoelettrica a getto d’inchiostro con una risoluzione di 360 dpi o 600 dpi, PageWide C500 Press adotta un ink jet termico brevettato da HP, sviluppato per garantire la massima qualità di stampa alla velocità di produzione. Con una risoluzione di 1200 dpi e un milione di ugelli, il sistema di stampa C500 stampa negli ambienti di produzione più esigenti, a 75 m lineari/min alla massima qualità di stampa. La tecnologia termica a getto d’inchiostro HP è caratterizzata dall’alta ridondanza degli ugelli (fino a 6 volte), irraggiungibile con il getto l’inchiostro piezoelettrico. Inoltre, gli inchiostri a base d’acqua di HP PageWide C500 Press consentono la stampa su imballaggi primari e secondari per il settore alimentare senza che sia necessaria una barriera aggiuntiva. Questo assicura la conformità alle più rigorose norme globali per la sicurezza alimentare, come le linee guida di Nestlé e l’ordinanza svizzera sugli inchiostri.

Commenti disabilitati