Smart bonding for flexo: un laboratorio “più”…

0

Cosa si può realizzare nel Laboratorio Flessografico di Lohmann in fatto di test e assistenza ai clienti, a cui la multinazionale offre un servizio di consulenza personalizzato per ottimizzare prodotti
e processi.

Il laboratorio flessografico di Lohmann (FlexoLAB), situato a Neuwied (D) presso la sede centrale della società, è stato ampliato in seguito all’accordo di partnership strategica siglato con la danese Tresu.
Due anni fa Tresu, affermato costruttore di macchine per la stampa flessografica e prodotti ausiliari, e Lohmann, che sviluppa, produce e fornisce in tutto il mondo soluzioni adesive customizzate per diversi settori industriali (tra cui l’industria della stampa e trasformazione di imballaggio), hanno deciso di unire le forze. Scopo della collaborazione, un obiettivo  di respiro strategico: ottimizzare la prestazione dei nastri biadesivi per il montaggio dei polimeri nelle varie situazioni di stampa flexo ad alta velocità. Le componenti essenziali del Flexo LAB Lohmann sono il gruppo di montaggio e il gruppo flexo appositamente predisposti dalla Tresu per eseguire simulazioni e test specifici. Questo “simulatore di stampa” offre dunque la possibilità, unica nel suo genere, di riprodurre gli effettivi parametri fisici e meccanici di un lavoro “reale”, rendendo così possibile effettuare previsioni sui risultati di stampa ottenibili dal cliente.

Un servizio potenziato Così concepito, il FlexoLAB permette ai “Bonding Engineers” di Lohmann di portare avanti due filoni di attività: da un lato, sviluppare i prodotti per la flessografia e perfezionare le procedure per ottimizzare la qualità dei materiali adesivi; dall’altro, sondare le prestazioni delle macchine da stampa e valutare possibili tendenze future. In questo modo, dunque, le potenzialità del processo di stampa flessografico vengono esplorate in tutti i loro aspetti. Nel laboratorio attrezzato e gestito con questi criteri, inoltre, gli specialisti Lohmann possono analizzare i processi dei clienti dalla A alla Z, in modo da simularli nel FlexoLAB e, in ultimo, fornire le informazioni e i consigli utili a ottimizzare flussi e rese. Ad esempio, con l’uso di specifici agenti per la pulizia di sleeve e polimeri, la messa in campo di test di lunga durata, o il miglioramento dei tempi nei cicli di lavoro. Ulteriori informazioni sulla versatilità del FlexoLAB e sul concetto di Smart bondig for flexo di Lohmann si possono avere anche a Converflex (hall 2 stand B21).                      

Commenti disabilitati