Incisione cilindri: la “tecnica” nell’anima

0

ICR (Incisioni Cilindri Rotocalco) nasce nel ’76 per iniziativa di un gruppo di tecnici e mostra da sempre una particolare sensibilità all’evoluzione tecnologica.

Una sensibilità che non si traduce solo nell’attento monitoraggio degli sviluppi di prodotto e di processo o nel costante impegno in ricerca a beneficio dei clienti, ma anche nei test di materiali e macchine sui sistemi di produzione interni, condotti in anteprima e in collaborazione con i fornitori nonché nell’adozione di impianti allo stato dell’arte, che le consentono di raggiungere sempre nuovi livelli di qualità ed economicità dei processi e dei prodotti. L’ultimo investimento in ordine di tempo ha riguardato l’installazione di una linea automatica Autocon di Kaspar Walter, in grado di effettuare l’intero ciclo di lavorazione del cilindro. Autocon esegue tutti gli step dalla ramatura all’incisione con due HK500 G3 Twain in linea, fino alla cromatura finale; inoltre svolge i controlli intermedi della geometria e della superficie del cilindro. Di recente, ICR ha anche aggiornato la linea Exactus di Acigraf per l’incisione autotipica con esposizione laser, sempre più apprezzata nel mercato degli adesivi, colle ed embossing, e ha implementato un nuovo gestionale e un sistema per automatizzare i flussi di lavoro nel reparto pre-press.

Miglioramento continuo. ICR è, dunque, gestita seguendo principi di miglioramento continuo, a vantaggio proprio e dei clienti, che vengono supportati nelle attività quotidiane come nelle fasi di sperimentazione e messa a punto di nuovi processi. L’obiettivo finale è assicurare sempre la massima resa e l’ottimizzazione dei tempi di avviamento e dell’utilizzo dei colori – traguardi che l’impresa di Origgio (VA) raggiunge anche grazie all’adozione del Color Management System, che assicura la linearizzazione di tutto il processo e garantisce la ripetibilità del risultato nel tempo.
Attualmente gli addetti alla R&S di ICR stanno lavorando in più direzioni: l’incisione laser diretta su rame per la stampa rotocalco; l’incisione laser diretta su elastomero per la flessografia; la stampa digitale per il packaging alimentare.

Commenti disabilitati