Base acqua: un passo avanti

0

Lo sapevate che… Sun Chemical non produce solo inchiostri, vernici e adesivi per il packaging ma ha anche sviluppato un metodo di stampa solventless denominato WetFlex?
Il gruppo tedesco Knauer lo impiega da anni e racconta che…

Alto grado di gloss, finissaggio ultra resistente, una compatibilità alimentare superiore e, naturalmente, l’elevata qualità di stampa, “di standard roto”. Sono i risultati garantiti dal sistema flexo solventless brevettato in Sun Chemical con il nome di WetFlex. Impiega inchiostri ad alto solido, con essiccazione EB, che permettono di stampare wet su wet su macchine a tamburo centrale appositamente configurate.            
Il converter tedesco Knauer, affermato fornitore del comparto food con una particolare specializzazione sul lattiero-caseario, lo ha adottato già nel 2008 e da allora lo impiega per stampare lid di alluminio per i vasetti di yogurt. Grazie a questa tecnologia ha potuto soddisfare gli utilizzatori più esigenti anche ai possibili risvolti in fatto di “alimentarietà”, ne ha acquisito di nuovi e ora prospetta ulteriori aperture di business.

Sicurezza, qualità,  efficienza

«Stampando con WetFlex – sottolinea Karl Heinz Knauer, AD della società – possiamo impiegare primer a bassa migrazione praticamente privi di fotoiniziatori, molto quotati dalle aziende più attente alla sicurezza in tutti i passaggi del processo di stampa. Ma abbiamo acquisito anche dei nuovi clienti che hanno apprezzato il rapporto ottimale fra qualità ed efficienza di questo sistema, raggiunto nel corso di un’attenta messa a punto condotta in collaborazione con Sun Chemical: la macchina “gira” benissimo e con un livello di scarti decisamente contenuto, e di recente abbiamo preso a utilizzarla anche per i colori speciali».                 
Guido Pohls, capo del CDA, sintetizza così l’esperienza di questi anni: «Abbiamo sempre considerato la flessografia con prodotti a base acqua come il procedimento ideale, ma con gli inchiostri tradizionali non riuscivano a ottenere né la qualità di stampa né la resistenza desiderate. Con WetFlex abbiamo raggiunto un nuovo traguardo, e per quanto ci riguarda, si tratta solo di un inizio: l’attuale WetFlex “2.1” ci permette di raggiungere dei risultati molto soddisfacenti nella stampa su foil e ora Sun Chemical sta lavorando a una terza versione del sistema, con l’obiettivo di alzare ancora di una tacca l’asticella della qualità. Sarà molto interessante vedere i nuovi progressi». 

Sun Chemical (DIC Group) è il più grande produttore globale di inchiostri e pigmenti, nonché fornitore leader di materiali per i mercati del packaging, editoria, coating, plastica, cosmetica e altre industrie. Il suo turnover annuale supera i 3,5 miliardi di dollari e impiega oltre 8.000 addetti in tutto il mondo. Il Gruppo Knauer opera nel sud della Germania con quattro stabilimenti e circa 600 dipendenti. Realizza e fornisce pack-ag ing di plastica per il food e il dairy ed è composto da tre unità, ciascuna con la propria specializzazione:
– Uniplast produce circa 3,5 miliardi di contenitori e tappi all’anno, con le relative sleeveratura, stampa diretta e IML;
– Uniprint realizza 2.5 miliardi di coperchi di alluminio all’anno. Oltre al WetFlex™, impiega altre tecnologie di stampa con inchiostri a bassa migrazione UV, requisito fondamentale per servire il settore alimentare.
– Polylog opera a “fine vita” riciclando 2.000 t/anno di contenitori di plastica.

 

Commenti disabilitati