Printgraph cresce e potenzia la squadra

0

L’arrivo di Lorenzo Benedetto nel ruolo di direttore organizzativo e di Francesco Ferrari come direttore tecnico di Printgraph e PCO, insieme alla crescita del fatturato che testimonia la buona salute del gruppo guidato da Roberto Levi Acobas, sostengono i nuovi piani di sviluppo del produttore di materiali di consumo per l'industria della stampa.

Lorenzo Benedetto avrà il compito di razionalizzare i processi aziendali, ottimizzando l’utilizzo delle risorse in Italia e all’estero. Il manager ha oltre 20 anni di esperienza nella gestione, riorganizzazione e sviluppo di business in vari settori; fra l’altro ha ricoperto il ruolo di Amministratore Delegato di Neopost Italia e di Direttore Generale in Neopost Shipping in Francia.

Francesco Ferrari seguirà la R&D di nuovi prodotti di alta qualità e tecnologicamente all’avanguardia della gamma FINITO, offrendo al contempo supporto tecnico alla rete commerciale italiana e ai rivenditori dei prodotti PCO. Ferrari ha lavorato in Trelleborg Engineered Systems Italy come Technical Service Manager e nelle Officine Grafiche de Agostini Novara come Press Room Manager.

Printgraph rilancia, così, con obiettivi di leadership sul mercato dei consumabili, prodotti chimici e soluzioni concentrate di bagnatura per la stampa. «La crescita del 2016 – ha dichiarato Roberto Levi Acobas, CEO del gruppo – è dovuta ai tre prodotti di punta della linea FINITO – No-Stick, Dress e No-stop Hi – ed è confermata dal risultato sul mercato italiano, che si mantiene stabile nonostante le difficoltà del settore»

In vivace sviluppo, in particolare, PCO B.V., azienda del Gruppo Printgraph che sviluppa prodotti chimici per la stampa. Nel 2016 PCO ha finalizzato l’apertura di due nuove filiali in Francia e Germania, paesi che incidono fortemente sul fatturato internazionale, mentre la filiale malese PCO EastGate consolida ha chiuso l'esercizio con un +20% sull’anno precedente e si appresta ad aprire una nuova fabbrica in Tailandia per meglio servire il mercato asiatico.

Commenti disabilitati