Robatech: con “Vision” valore aggiunto per il confezionamento nel fine linea

0

L’offerta era già sul tavolo. Tutto era già definito. Massimo Di Paolo, responsabile tecnico di IMACH, avrebbe offerto al suo cliente, Caffè IZZO, per l’incollaggio automatizzato delle confezioni un fusore Concept, tubi elettroriscaldati Enduro e una pistola applicatrice AX Robatech. Massimo Di Paolo però non aveva messo in conto di ricevere una telefonata da Marco di Tullio, Area Sales Manager Robatech Italia.

Anteprima mondiale virtuale

«Il 17 marzo 2021 si sarebbe svolto in anteprima mondiale il Virtual Event per la presentazione dei nostri nuovi prodotti», racconta Marco di Tullio. «Ho invitato IMACH perché sapevo che l’innovativo costruttore macchine avrebbe trovato il nostro fusore smart Vision e il nuovo tubo elettroriscaldato Performa rispondenti alla sua filosofia di prodotto.»

Manutenzione rapida

IMACH, una giovane azienda italiana con sede a Sant’Apollinare in provincia di Frosinone, sviluppa e produce sistemi di confezionamento finale personalizzato. «Per noi è molto importante che i clienti possano eseguire manutenzioni rapide sul nostro impianto e gestire in modo semplice l’intero processo di imballaggio», spiega il responsabile tecnico di IMACH. «Naturalmente, questo vale anche per il sistema di applicazione adesivi», aggiunge Di Paolo. «Quando al Virtual Event Robatech vidi per la prima volta Vision dotato di Smart Terminal e con lo sportello attraverso cui si accede a tutti i componenti che richiedono manutenzione, ho subito chiesto a Robatech di farci un’offerta per il progetto Caffè IZZO.» Nel frattempo, il sistema di confezionamento finale di IMACH lavora già a pieno ritmo presso la ditta italiana Caffè IZZO di Anagni. L’impianto monta scatole per spedizione con fondo autobloccante e riempie fino a 750 capsule di caffè al minuto con procedimento top-loading in scatole da 50, 100 o 150 capsule. Alla fine della linea una pistola applicatrice AX Diamond Robatech applica due cordoli di adesivo a caldo sulle due falde corte del coperchio. Successivamente, le falde lunghe del coperchio vengono chiuse e pressate brevemente. Vengono incollate circa 15 confezioni al minuto, che vanno a finire direttamente sugli scaffali dei supermercati.

Massimo Di Paolo (IMACH), Marco di Tullio (Robatech), Viviana Izzo (Caffè IZZO)

Applicazione pulita dell’adesivo, gestione intelligente

«Vision apre una nuova dimensione nel campo dei fusori», afferma entusiasta Marco di Tullio, «perché regola la temperatura di riscaldamento in modo rapido e preciso, assicurando una pressione di alimentazione stabile.» L’Area Sales Manager scende ancor più nel dettaglio: «Insieme al tubo elettroriscaldato Performa, completamente isolato, che viene collegato al fusore Vision e alla pistola applicatrice tramite il pratico innesto rapido PrimeConnect, manteniamo costante la temperatura e quindi anche la viscosità dell’adesivo. Questo ci consente di ottenere un incollaggio uniforme e affidabile.»

Per l’imprenditrice del gruppo Izzo, Viviana Izzo, un incollaggio pulito e sicuro delle confezioni ha un’importanza fondamentale. «I nostri clienti sono abituati alla qualità.» Dal 1975 la torrefazione e azienda produttrice di miscele e macchine da caffè fornisce i suoi prodotti a hotel, bar e ristoranti. La ditta iniziò nel 2010 a offrire caffè a clienti privati. Dal 2016, con la produzione di caffè in cialde e in capsule, il processo è diventato sempre più complesso e dispendioso in termini di tempo. «Prima chiudevamo a mano con il nastro adesivo le confezioni da spedire, racconta la figlia del fondatore di Caffè IZZO, «ma avevamo l’esigenza di aumentare la produttività nel processo di confezionamento.» Rivolgendo uno sguardo allo Smart Terminal di Vision, Viviana Izzo aggiunge: «Il moderno sistema di utilizzo di Vision soddisfa in pieno le nostre esigenze. Già da lontano, con una semplice occhiata ai LED colorati, i nostri operatori sono in grado di capire se tutto funziona regolarmente o se c’è bisogno di ricaricare l’adesivo.»

Efficienza energetica eccezionale

Massimo Di Paolo di IMACH è soddisfatto: «Il nuovo fusore richiede il 20% in meno di energia rispetto al modello precedente Concept. Insieme al tubo elettroriscaldato Performa, ora possiamo integrare nei nostri sistemi di confezionamento un dispositivo di applicazione adesivi che garantisce una maggiore sostenibilità nel processo di incollaggio.» Marco di Tullio sorride: «Chi avrebbe mai detto che Vision avrebbe convinto così a prima vista.» Chissà se alla IMACH sanno che è stato il primo Vision ad essere venduto in tutto il mondo?

Commenti disabilitati