Fusione in vista tra Goss e manroland web systems

0

La divisione “macchine da stampa” di Goss International e manroland web systems, entrambi produttori di macchine roto-offset per i mercati dei quotidiani, packaging e stampa commerciale, hanno annunciato la loro intenzione di unire i propri business complementari.

Il frutto di questa fusione sarà un’azienda che avrà una copertura geografica più estesa, beneficiando della capillarità di entrambi i produttori, un ampio portfolio di soluzioni ad alto valore aggiunto, che include i servizi di assistenza e supporto al cliente. In futuro la nuova società sarà il business partner ideale per tutti gli stampatori roto-offset nel mondo. Soggetta a tutte le approvazioni necessarie, la fusione verrà completata entro la metà di quest’anno e non avrà alcun impatto sul business attuale di entrambe le aziende. La divisione Contiweb di Goss International non è inclusa nella transazione.

Alexander Wassermann, ceo di manroland, ha dichiarato: “Manroland è sulla strada del successo. Continueremo a spianare questo percorso, creando sinergie, incrementando le nostre attività di Ricerca&Sviluppo e rafforzando l’attenzione all’innovazione. I nostri clienti potranno attingere a un ricco portfolio di prodotti e servizi“.

Mohit Uberoi, ceo di Goss, ha affermato: “Questa fusione ci consentirà di ottenere sinergie che ci aiuteranno a servire al meglio i nostri clienti in futuro, dal punto di vista dell’offerta di soluzioni e di assistenza“.

Gli attuali azionisti di Goss, American Industrial Partners, e di manroland, Possehl Goup (Lubecca) continueranno a possedere congiuntamente la nuova azienda. Oltre a continuare le proprie attività nei segmenti delle roto-offset, dei servizi e dei consumabili nei mercati dei quotidiani, del packaging, della stampa commerciale e della stampa digitale, la nuova azienda espanderà il business attraverso l’offerta di retrofit e upgrade per le macchine già installate. La sistematica espansione delle attività di e-commerce sarà una delle principali aree di focus.

Commenti disabilitati