Asda gestisce il colore con PantoneLIVE

0

Il retailer britannico del settore alimentare adotta il servizio cloud-based di Pantone per standardizzare la riproduzione dei colori sul packaging.

Asda, una delle più grandi catene del Regno Unito (573 punti vendita, 180.000 dipendenti) e proprietà di Wal-Mart, implementerà all’interno della propria supply chain globale PantoneLIVE™, il servizio cloud-based dedicato al colore. PantoneLIVE consentirà ad Asda di standardizzare i propri processi in un’unica piattaforma e di governare gli accessi digitali, agevolando così le comunicazioni sul colore relative ai packaging e tra fornitori, e migliorando di conseguenza l’efficienza dei processi operativi. Il distributore inglese inizierà a utilizzare PantoneLIVE per le etichette private Smart Price, Chosen by You ed Extra Special.

«L’intento – afferma Andy Wilson, print manager di Asda – era ambizioso: cercavamo una soluzione che non solo consentisse di valutare la qualità di stampa di tutte le confezioni realizzate dai diversi fornitori, ma fornisse anche dati tecnici sul colore in un formato di semplice comprensione. Considerando che la maggior parte dei sistemi di validazione della stampa presenti oggi sul mercato sono studiati per le stampanti e non per i brand, trovare il partner adatto non è stato semplice. La soluzione X-Rite Pantone (brand del gruppo Danaher Corporation) ha fornito la migliore risposta alle nostre esigenze».

Vantaggi in una nuvola La suite PantoneLIVE fornisce ad Asda un sistema di raccolta dati sul colore basato su cloud, che consente ai brand manager di comunicare le specifiche relative alle varie tonalità lungo l’intera supply chain, validarne la conformità nonché monitorare l’attività dei fornitori su scala globale.
«Disporre di stampanti in grado di validare i propri output in tempo reale ha fatto sì che PantoneLIVE cambiasse davvero le regole del gioco», aggiunge Jason Gilmartin, senior print manager di Asda. «Grazie ad esso possiamo gestire il processo della stampa di packaging in tutte le sue fasi, dal concept alla produzione, con facilità e molta maggior velocità. La riduzione di sprechi e costi è stata notevole, così come il miglioramento dell’immagine del brand; inoltre ora non c’è più bisogno dell’approvazione dei brand manager al termine di ogni stampa».

Commenti disabilitati