Taga Day: tre documenti che “svoltano”

0

Un Taga Day di sostanza, quello che ha riunito i tecnici delle arti grafiche agli Artigianelli di Brescia lo scorso 17 novembre. Oltre a eleggere il nuovo consiglio direttivo, è stato occasione per presentare la traduzione italiana del PSD (Process Standard Digital) di Fogra, il metodo elaborato da Taga per la riproduzione dei colori speciali, e un prezioso documento che fornisce i dati e i parametri utili a regolare il rapporto cliente-fornitore, anche in caso di lite.

L’evento annuale che riunisce i tecnici delle Arti Grafiche si è svolto a Brescia presso l’Auditorium Capretti dell’Istituto Artigianelli, confermando le aspettative sia di partecipazione (oltre 100 iscritti interattivi, in netto incremento sulla scorsa edizione di Reggio Emilia) sia di qualità dei contenuti espressi. Con la partecipazione diretta di un rappresentante Fogra e due fatti significativi ulteriori: la presenza di una classe di alunni della Scuola Grafica ospitante, a conferma del lavoro svolto da Taga per rafforzare il rapporto con le scuole e gli enti di formazione, e l’assegnazione della borsa di studio intitolata al compianto Alberto Sironi, ad Alessia Brighenti del CFP Padre Monti di Saronno, autrice della ricerca intitolata “Il controllo qualità nei processi di stampa digitale”.

Cuore dell’evento, la presentazione approfondita e commentata di alcuni documenti di grande utilità per gli operatori.

Il primo è la versione italiana del documento elaborato dalla prestigiosa Fogra tedesca per mettere a punto termini e procedure standard del processo digitale “ideale”, con qualsiasi tipo di macchina e su tutti i tipi di supporto. Denominato PSD (Process Standard Digital), si propone di raggiungere 3 obiettivi principali: un output di stampa ripetibile: la fedeltà del colore; la creazione di un flusso di lavoro adeguato dei documenti in formato PDF.

Il secondo, frutto di mesi di sperimentazione, è la prima issue di un metodo operativo per il calcolo della copertura superficiale del punto (dot), nei retini stampati con colori speciali (spot color). Questo dato permette il controllo, in fase di definizione dei processi e in fase di stampa, della progressione dei valori delle mezzetinte retinate ottenute stampando direttamente un colore speciale. Il progetto Schmoo di Taga Italia fa proprio un nuovo metodo di calcolo delle TVI nei colori spot, che fa riferimento alla norma ISO 20654:2017: Graphic technology – Measurement and Calculation of Spot.

Il terzo è un manuale di inestimabile utilità, a cui dedicheremo un approfondimento d’autore sul prossimo fascicolo di Converting.

A termine della giornata si è tenuta la consueta Assemblea Ordinaria dei soci, con la comunicazione dell’esito delle votazioni per il Consiglio Direttivo 2018-2019, che sarà quindi costituito da Adalberto Monti, David Serenelli, Alessandro Mambretti, Manuel Trevisan, Massimo Pellegrini, Denis Salicetti, Elia Nardini, Raffaele Angelillo e Angelo Meroni.

 

Commenti disabilitati