Il riciclaggio si fa intelligente

0

UPM Raflatac combina digitalizzazione e economia circolare. Aggiungendo la soluzione smart label RafMore al processo di riciclaggio RafCycle®, l’azienda è in grado di ottimizzare il processo di raccolta dei rifiuti dai propri clienti. Le etichette intelligenti aggiunte ai contenitori di riciclaggio vengono scansionate tramite un’app mobile e indicano quando i rifiuti dei clienti sono pronti per essere raccolti.

In precedenza, il processo di raccolta dei rifiuti veniva eseguito manualmente, il che richiedeva molte comunicazioni tra UPM Raflatac e i suoi clienti. Combinando due soluzioni innovative, invece, il riciclaggio diventa più intelligente che mai.

RafCycle è una soluzione di riciclaggio dei rifiuti efficiente in termini di costi che raccoglie gli scarti dei liner dai partner in tutta Europa. La soluzione di etichetta intelligente RafMore è stata testata con diversi clienti RafCycle in Danimarca e Svezia, e il materiale di scarto raccolto da questi clienti può essere trasformato in nuovi prodotti presso la cartiera UPM Plattling in Germania, dove i liner in carta sono de-siliconizzati e riciclati in pasta e carta, chiudendo il ciclo.

Ora diamo ai nostri clienti RafCycle codici unici attraverso i quali possiamo tracciare l’esatta quantità di rifiuti e dare un feedback diretto tramite l’applicazione mobile RafMore. Questo ci aiuta a gestire meglio i nostri processi logistici, rendendo più efficiente il processo di raccolta dei rifiuti“, afferma Claus Søndergaard, direttore delle vendite, Danimarca, UPM Raflatac.

La nuova soluzione RafMore è realizzata per l’efficienza logistica nei magazzini perché sposta la pianificazione dei pickup RafCycle in UPM Raflatac. L’app mobile è facile da installare e utilizzare.

“Oltre a un sistema di logistica via app, ora abbiamo una migliore panoramica del volume totale che è stato trasferito dai rifiuti a una risorsa”, afferma Per Hasso, assistente di magazzino, Xellia Pharmaceuticals, uno dei primi utilizzatori del prodotto.

Commenti disabilitati