Print4All: scommessa vinta!

0

Oltre 30.000 visitatori internazionali (il 21% proveniente da 87 Paesi esteri) a Print4All, e più di 150mila a Innovation Alliance nel suo insieme. La fiera di filiera è piaciuta, e molto, e si rifarà nel 2021.

Con oltre 30.000 presenze da 87 Paesi si è chiusa l’1 giugno la prima edizione di Print4All, nuovo format nato dalla collaborazione tra Acimga, Argi e Fiera Milano, che ha acceso i riflettori sul mondo del printing a 360° (converting, package printing, labelling, stampa commerciale e industriale). Sono numeri che, paragonati alla superficie della manifestazione e alla densità dei visitatori per metro quadro, rappresentano un indicatore chiaro, che afferma Print4All come nuovo punto di riferimento sul mercato italiano, posizionandola sin d’ora in ambito internazionale. Gli operatori esteri sono stati infatti il 21% del totale, registrando le principali provenienze da Germania, Spagna, Russia, Svizzera, Turchia, Francia, mercati strategici di sbocco delle tecnologie di printing e converting, come dimostrano le previsioni export di Acimga per il quadriennio 2018-2021 che vedono questi Paesi tra i top 20.

Business in fiera

Già dalla prima edizione, dunque, Print4All ha offerto una risposta concreta alla esigenza di una piattaforma fieristica dedicata al settore, riuscendo a intercettare le esigenze di tutti gli operatori, con un progetto innovativo ed efficiente. La manifestazione si è inoltre dimostrata un vero hub di business e opportunità commerciale, come dimostrano i tanti contratti di vendita siglati direttamente agli stand.
Con l’offerta di 429 aziende su due padiglioni (il 18 e il 20 di Fiera Milano), Print4All si è affermata come vetrina delle principali novità tecnologiche, ma anche come momento di business networking per fare il punto sull’andamento del mercato e come vera e propria accademia formativa in grado di offrire agli operatori interessanti incontri per il confronto e l’aggiornamento professionale.

Driver di innovazione

La manifestazione è stata l’occasione per puntare i riflettori su un comparto che può offrire un valore aggiunto in tutte le fasi della supply chain. La stampa, infatti, da realtà di inizio o fine linea produttiva è diventata parte integrante del processo, elemento di identità per il prodotto e mezzo insostituibile di comunicazione con il cliente finale, una componente essenziale per la produzione e la vendita che sempre di più si afferma come elemento indispensabile per supportare le strategie promozionali e commerciali.
Al centro dell’offerta, l’innovazione, con un occhio attento alla sostenibilità, tra sistemi di risparmio energetico, tecnologie in grado di ottimizzare ogni fase della produzione, inchiostri atossici e ad acqua. Cresce inoltre l’attenzione per le soluzioni 4.0, che sempre più stanno entrando anche in questo settore, con macchine provviste di sistemi connessi, intelligenti e monitorabili da remoto.

La filiera in mostra

Sul fronte Printing & Communication, Print4All ha visto presenti i principali marchi leader internazionali, con un’offerta che ha spaziato dalla stampa digitale di piccolo e grande formato alle soluzioni off-set e rotocalco. Tante le proposte per garantire identità e riconoscibilità ai prodotti: dai trattamenti post stampa (finishing e nobilitazione) alla personalizzazione più estrema, ma anche inchiostri di alta qualità da prestazioni elevatissime o l’unione di tecnologie innovative e supporti tradizionali per raggiungere risultati sorprendenti, come nel caso di carta e realtà aumentata. Ricchissima l’offerta per Converting, Package Printing e Labelling, grazie alla presenza, anche in questo caso, dei maggiori brand internazionali che hanno presentato le più innovative proposte rotocalco, flexo e ibride orientate alla stampa su imballaggio e all’etichettatura e le tecnologie per il converting più  performanti. Per finire con l’Industrial Printing, che ha visto soluzioni per la stampa su ogni materiale, in grado di soddisfare le esigenze produttive di ogni settore manifatturiero. Non sono mancate infine le proposte di stampa 3D e soluzioni sempre più digitali in grado di coniugare nuove tecnologie di stampa e realtà aumentata, idee creative dirompenti e App capaci di trasformarle in progetti concreti e di sicuro appeal sul consumatore finale. Proprio la creatività si è dimostrata una variabile indispensabile quanto la tecnologia e un pungolo per esplorare nuove formule e ricercare nuove soluzioni per stampa e converting.

Iniziative speciali e education

Alle idee più creative e innovative è stata dedicata in particolare PrintMat, una mostra nella mostra per esplorare le ultime frontiere dell’innovazione della stampa, dove l’utilizzo sinergico di tecnologie, materiali e supporti dà vita a prodotti e oggetti assolutamente nuovi. PrintMat è stata una vetrina per chi fa innovazione nei materiali stampabili, nelle tecnologie e nei consumabili di stampa e ha raccolto, in un percorso che simula i diversi contesti d’uso, il meglio delle soluzioni in tutte le fasi della vita del prodotto: pre-vendita, punto vendita e post-vendita. Anche i momenti formativi, pensati per essere strumenti di aggiornamento per i professionisti di ogni livello, hanno incontrato l’interesse degli operatori: sono stati, infatti, circa 1500 i partecipanti agli eventi in programma nei quattro giorni. Questi appuntamenti sono stati caratterizzati da format peculiari, che hanno alternato formule snelle su tematiche specifiche a momenti di riflessione sul futuro del settore attraverso la testimonianza di  guru ed esperti. Particolare attenzione è stata dedicata, infine, ai giovani delle scuole di grafica, i professionisti del futuro, con percorsi educativi e didattici per diffondere la cultura della stampa, la sua storia e le sue capacità evolutive, ma anche offrire strumenti e contenuti per riscoprire il valore di materiali come la carta.

The Innovation Alliance, moltiplicatore di opportunità

Print4All ha fatto parte di The Innovation Alliance, il nuovo format, ideato e realizzato da una collaborazione tra Fiera Milano, gli organizzatori e le associazioni di categoria, che ha visto per la prima volta svolgersi insieme cinque manifestazione della meccanica strumentale: IPACK-IMA, MEAT-TECH, PLAST, PRINT4ALL e INTRALOGISTICA ITALIA. 150.110 presenze totali, di cui 105.770 buyer dei diversi comparti dell’industria manifatturiera: con questi  numeri globali l’evento ha lanciato un messaggio forte al mondo produttivo italiano e internazionale, dando una concreta dimostrazione: aggregare eventi in una logica di filiera non solo funziona, ma è un moltiplicatore di opportunità, che favorisce la competitività delle aziende in un mercato sempre più globale. Tra tecnologie connesse ispirate al paradigma dell’industry 4.0, robot e automazione avanzata, realtà aumentata e sistemi di gestione digitale della linea produttiva, l’appuntamento ha acceso i riflettori su sostenibilità, sicurezza dei processi e dei prodotti e centralità della formazione. Infatti accanto all’innovazione dei sistemi è emersa la necessità di figure professionali preparate, perché la digitalizzazione è una spinta alla creazione di nuova occupazione qualificata.

Commenti disabilitati